I Viaggi dei Rospi e la voglia di partire!

State programmando le vacanze? Fatevi ispirare dai Viaggi dei Rospi, blog di una famiglia molto dinamica!

Si chiama Alessandra, ha un marito, due piccoli rospetti e un blog che fa venire voglia di partire. Racconta le proprie avventure insieme alla sua famiglia descrivendo sia lunghi viaggi che mete “dietro l’angolo”. Viaggiare non significa solamente prendere un aereo e affrontare un fuso, ma lasciarsi alle spalle lo stress, la routine, la troppa apprensione e godere degli stimoli che si incontrano. Non è mai troppo presto iniziare a farlo con bambini piccoli, ci vuole coraggio, pazienza e la voglia di osare. Alessandra, sportiva e curiosa, ci racconta come vive il viaggio rivelandoci dei posticini da provare assolutamente.

trekking con i cani

Come hai scelto il nome del tuo blog “I Viaggi dei Rospi”?

Il soprannome Rospi è nato molto prima di aprire il blog. Infatti Rospo è il soprannome che ho “simpaticamente” affibbiato a Ruggiero (mio marito) ad una delle nostre prime discussioni da fidanzati. Da quel momento è stato un moltiplicarsi di ranocchie per casa e quando abbiamo deciso di iniziare a scrivere il blog, non c’è neppure stato bisogno di scegliere il nome!!

Cosa racconta il tuo blog?

I Viaggi dei Rospi è un contenitore che raccoglie la nostra vita a casa e in giro per il mondo: il nostro modo di essere, le passioni e la filosofia con cui vogliamo crescere i nostri figli. Abbiamo iniziato semplicemente raccontando le nostre avventure come coppia e negli anni ha seguito l’evoluzione della nostra famiglia.

Viaggiare è scoperta, rendersi conto che non esiste solo la nostra piccola prospettiva quotidiana.

Come racconti le tue avventure?

Attraverso lo storytelling. Con articoli, storie di viaggio, foto e video. Sul nostro blog raccontiamo di viaggi, gite o attività che abbiamo testato in prima persona. Non importa a quanti km di distanza. I Navigli in bicicletta, ad esempio, sono stati una meravigliosa scoperta a due passi dal portone da casa. Questo è l’impegno che abbiamo voluto prendere con i lettori che ci seguono giornalmente, descrivendo le emozioni che abbiamo provato in una determinata destinazione o impegnati in un trekking o gita in MTB. Accanto poi alla parte più emozionale, comprensiva anche di foto della famiglia al completo, inseriamo anche delle pillole pratico-informative per aiutare gli altri viaggiatori.

budapest con bimbi

Il tuo viaggio più bello

Ogni viaggio fatto insieme è unico. Straordinario. Quando partiamo – che sia dall’altra parte del mondo, che a pochi km da casa – cerchiamo di non avere aspettative e lasciare che sia la destinazione stessa a rivelarsi in tutto il suo splendore. Ci sono mete che sono più nelle nostre corde – e guarda caso sono proprio quelle in cui la natura la fa da padrone – come Australia, Finlandia e ovunque in montagna, e altre che ci hanno colpito per la loro straordinaria bellezza come ad esempio Budapest. Se “molliamo davvero gli ormeggi” e siamo pronti a stupirci anche delle piccole cose, non torneremo mai a casa delusi al 100% di un viaggio!

Dalla tua descrizione siete una famiglia molto avventurosa. Hai qualche consiglio per le mamme che hanno figli piccoli e devono ribaltare il loro concetto di vacanza?

L’allenamento è la chiave per iniziare a cimentarsi con questo tipo di attività: siano esse al mare, in montagna, in bicicletta. Come in ogni cosa, bisogna partire per gradi e dopo ogni avventura aggiungere una nuova sfida. Senza aver mai paura di sbagliare. I nostri bimbi non sono di cristallo, sono molto più resistenti di quanto immaginiamo, ma devono essere abituati. A camminare, a stare in bici o anche a compiere un lungo on the road in macchina. Mettetevi alla prova con brevi itinerari vicino a casa e ne vedrete delle belle!

Un consiglio: prendetevi i vostri tempi. Svegliarsi con calma, fare una ricca colazione tutti insieme e leggere un libro o giocare ancora con il pigiama, sono momenti d’oro che non mancano mai quando noi siamo in viaggio. Poi, una volta messi in moto non ci ferma nessuno… ma dobbiamo partire slow!

La vacanza ideale per la mamma bollita?

Io voto per l’appartamento! E’ una formula che abbiamo scoperto con l’arrivo di Leo (il nostro cagnone) e che abbiamo confermato successivamente con la nascita dei nostri bambini . Soluzione più spaziosa, nessun vincolo di orario e cucina autonoma. Come destinazione consiglio due angolini isolati in cui fare pace con la vita frenetica e bollita. Scorci di un’Italia, in cui la vita sembra essersi fermata a tempi lontani: in montagna sulle Alpi e in collina, poco distante dalle Cinque Terre.

volare in gravidanza

Scrivi un commento

Ultimi articoli